CABER Magazine

FIORE_ZAFFERANO_SPEZIA_COSTOSA_CABER_SPEZIE_PISTILLI.jpg

Il fiore dello zafferano, scientificamente chiamato Crocus sativus, ha petali violacei e pistilli cremisi, dai quali si estrae la famosa spezia dal sapore unico e dalla fragranza intensa. 

Lo zafferano non è certo una spezia di nuova generazione ed infatti è conosciuta da oltre cinquemila anni. Si dice che fosse coltivato nell’Antica Grecia come medicinale (i Greci lo consumavano per aumentare la loro energia sessuale e migliorare la memoria) e fu esportato in seguito in Europa, Asia Minore, Nord Africa, America ed Oceania. 

 

 

Per produrre 1 grammo di pistilli disidratati di zafferano, che fiorisce in un periodo limitatissimo, ovvero sei settimane tra settembre e dicembre, occorrono 150 fiori; per poter arrivare invece ad 1 kilogrammo servono 170.000 fiori ed oltre 40 ore di lavoro manuale, perché viene raccolto ed elaborato interamente a mano per non rovinare le altre parti della pianta. Ma non solo: per non alterare le innumerevoli proprietà benefiche della spezia, è consigliabile effettuare il raccolto solo nelle prime ore del mattino, in un lasso di tempo molto ridotto.

 

Oggi, Italia e Spagna sono i principali consumatori e produttori europei, seguiti dall’India, ma il 90% della produzione viene esportata in tutto il mondo dall’Iran, l’antica Persia, i cui piatti tradizionali hanno il colore ed il profumo tipici di zafferano.

 

Caber vi fa trovare lo zafferano nei formati in polvere e in pistilli, a seconda del tipo di preparazioni culinarie nelle quali volete cimentarvi! Vi basterà utilizzarne una quantità ridotta di prodotto perchè la qualità del nostro zafferano è certificata di primo grado dallo standard ISO 3632 e quindi colore e profumo sono sprigionati al massimo livello di purezza.

 

 

 

CABER

English

Social Media